17 Dicembre 2018
News
percorso: Home > News > Geo-politica

L’USCITA DELLA MERKEL E LE FOSCHE NUBI SULL’EURO

30-10-2018 12:07 - Geo-politica
Angela Merkel ha annunciato l'uscita dal Bundestag dopo la fine della legislatura in corso, dichiarando: “E' il mio ultimo mandato da cancelliera, lascio anche presidenza Cdu. Non voglio più incarichi politici”, "I risultati nelle elezioni sono oltremodo amari e deludenti sia in Assia che nel Bund". "È deplorevole, perché il governo nero verde ha portato un bilancio convincente", ha spiegato la Merkel parlando a Berlino dopo la doppia sconfitta elettorale in Assia e in Baviera.

"Come cancelliera ho la responsabilità di tutto, per quello che riesce e per quello che non riesce. E' giunto il momento di aprire un nuovo capitolo: non mi ricandiderò come presidente della Cdu, questo quarto mandato è l'ultimo come cancelliera, non mi ricandiderò al Bundestag nel 2021 e non voglio altri incarichi politici". "Non sono nata cancelliera", ha aggiunto Merkel.

"È chiaro che così non si può andare avanti. L'immagine del governo è inaccettabile", ha aggiunto. "E questo ha ragioni più profonde che ragioni di comunicazione", ha affermato rimandando a un problema di "cultura del lavoro". Infine Merkel ha escluso una sua ricandidatura anche se il governo attuale cadesse, per il ritiro della Spd.
"Per me si tratta di aprire una strada verso il futuro", ha spiegato Angela Merkel, affermando di aver riflettuto molto, su come si potesse favorire una successione nella Cdu. Merkel ha anche sottolineato di voler "lasciare i propri incarichi con dignità, così come li ho svolti".

Per i grandi partiti popolari, come la Cdu la Csu e la Spd, è arrivato il tempo di chiarire "cosa serve alla tenuta del paese e cosa no", ha spiegato ancora Merkel.
La Merkel rappresenta il volto dell’Europa e delle sue politche di austerità e pro-immigrazione che sempre più escono con le ossa rotte ad ogni ricorrenza elettorale, le ultime elezioni nella regione tedesca dell’Assia confermano la debacle del suo partito CDU e dell’alleato SPD a favore dei verdi e della destra AFD.

La grande coalizione è in piena fase di disgregazione ed è solo una questione di tempo per Angela Merkel la perdita della cancelleria che rappresenterebbe un duro colpo per l’euro, non mi stupirebbe se i tempi si rivelassero più vicini di quanto immaginiamo.

La tenuta degli assetti politici in Europea è estremamente importante per la stabilità dell’euro che potrebbe essere messo sotto forte pressione da una forte ascesa del dollaro americano, scenario che spiazzerebbe una buona parte degli analisti che ancora si arroccano in criteri di valutazione e analisi da tempo inefficaci.

Oggi più che mai una crisi politica si tradurrebbe in una crisi di fiducia sull’euro con conseguenze che lascerebbero spiazzati gran parte dei risparmiatori.
Questo non è il momento delle chiacchere, delle rassicurazioni, di rimanere fermi sulle proprie posizioni, del non agire e non decidere, questo più che mai è il momento di farsi trovare preparati.

Buona fortuna


Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata